La linea sottile tra l’esilarante e l’amaro.

di esthergreewood

Sono stata assente, lo so, chiedo perdono! Posso attribuire anche la colpa al corriere? Dai sì. Mi farò perdonare con ben due articoli questa settimana!

Le mie mani fremono perché voglio parlarvi di una delle graphic novel più belle che io abbia mai letto: Residenza Arcadia di Daniel Cuello, edita da Bao (176 pag., €20). Come sempre ho delle grandi difficoltà a parlare di qualcosa che mi ha davvero colpita ed è anche la prima volta che cerco di non terminare una graphic novel, solitamente le divoro in poche ore! L’ho amata così tanto da centellinare le pagine in modo da finirla il più tardi possibile.

“Residenza Arcadia è un microcosmo che pullula di emozioni taciute. Lamentazioni, rivendicazioni e le insondabili profondità di animi che guardano il mondo dal silenzio dello spioncino.”

Residenza Arcadia, nella sua limitatezza in termini di personaggi e di ambienti (in quanto si svolge interamente in un condominio e i personaggi sono una decina), è incredibilmente rappresentativa del nostro tempo nonostante sia ambientata in un futuro prossimo. I protagonisti sono per lo più anziani, condòmini di questa residenza su cui incombe un pericolo: nuovi inquilini. La nazionalità e le caratteristiche di questa nuova famiglia non sono specificate, proprio per adattare questa forma di “razzismo”. Gli inquilini storici si rifiutano di accettare questo cambiamento, visto come una macchia sulla bella reputazione della residenza e come una rottura degli equilibri presenti. La coalizione contro i nuovi arrivati è inevitabile.

Alla base dei rapporti tra gli inquilini c’è il silenzio sulle loro vite, le urla invece per scegliere le petunie o le gardenie. C’è Mirta e la sua costante paura di essere derubata, Emilio e i social, Dirce e le apparenze, Dimitri, il riso che gli arriva per posta e i segreti condivisi con Ester, figura autoritaria di fronte la quale tutti si sentono in dovere di essere ben sistemati, nel giusto. Ad ogni appartamento è abbinata una tavola di colori, rappresentativa per i personaggi che ci vivono e per il tipo di storia che nascondono all’interno.

IMG_4857.JPG

Fin dal principio Residenza Arcadia si presenta come un racconto divertentissimo, capace di farti ridere a crepapelle anche se sei sui mezzi pubblici; in realtà questi appartamenti sono dei piccoli contenitori che si aprono al lettore circa a metà volume, rivelandoci storie di grande impatto, originali e soprattutto tristissime. Mi aspettavo una graphic novel divertente e invece mi sono ritrovata in una graphic novel divertente e ben strutturata, capace di farmi ridere a pagina 66 e farmi piangere a pagina 67.

Daniel Cuello penso lo conosciate già per le magnifiche vignette che propaga nel web, con uno stile che è già di per sé esilarante. Io mi sono innamorata delle sue tavole e ho voluto immediatamente recuperare il suo primo lavoro! Attendo i prossimi con impazienza.

Annunci